119 visualizzazioni 3 min. 1 Commento

Per trovare lavoro sulla piattaforma Siisl, l’Inps si affida all’Intelligenza artificiale

Il direttore generale Vincenzo Caridi: "La svolta con l'introduzione del consulente virtuale: così faremo combaciare offerte e competenze"

Un recente studio di Manpowergroup, Ey e Sanoma ha sentenziato che l’Intelligenza artificiale è destinata a cambiare il 75% dei lavori. Sta di fatto che Vincenzo Caridi, il direttore generale dell’Inps, in una intervista concessa al Mattino, ha dichiarato che, con la stessa Intelligenza artificiale, sarà più facile, in generale, trovarne uno, di lavoro. Anche per coloro i quali sono stati o sono ancora percettori del Reddito di Cittadinanza.

“Le offerte – ha spiegato – saranno più adatte alle loro competenze”. Nello specifico, ha spiegato Caridi, “sulla piattaforma Siisl, a decorrere dai primi giorni di dicembre, sarà introdotto un sistema di “affinity score” che sfrutta le tecniche di machine learning per permettere alle Agenzie di indirizzare gli utenti verso i posti di lavoro disponibili più consoni alle competenze individuali, ottimizzando così l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Lo stesso sistema consentirà al cittadino di ordinare le offerte, in base al livello di affinità rispetto al proprio curriculum vitae”.

Quindi, quali effetti ci si potrà aspettare? “L’introduzione dell’Intelligenza artificiale in Siisl contribuirà a ridurre il mismatch nel mercato del lavoro. Il vero salto di qualità nell’esperienza d’uso della piattaforma sarà però ottenuto con l’introduzione, da fine febbraio, del Consulente virtuale intelligente. Sfruttando l’Intelligenza artificiale generativa, il cittadino potrà interagire con la piattaforma in modo colloquiale. In questo modo, la piattaforma avrà un notevole impatto in termini di efficienza e di efficacia del sistema di incontro tra domanda e offerta di lavoro e, in generale, sull’ideazione delle politiche attive del lavoro e su iniziative formative. Da marzo, in particolare, nel sistema di monitoraggio già operativo, saranno implementati analytics per fornire supporto alle politiche attive: le Regioni avranno a disposizione in tempo reale analisi relative all’efficacia degli interventi, con la possibilità di dare evidenza delle potenzialità di miglioramento nell’indirizzamento dei fondi”.

Le aziende, è stato poi chiesto al direttore generale Inps, potranno trarre vantaggi dalla pubblicazione della disponibilità di posti di lavoro nella piattaforma? “Assolutamente, anche le aziende potranno beneficiare delle potenzialità della piattaforma Siisl. Oltre a ottenere informazioni sulle disponibilità dei lavoratori, è prevista, sempre nel primo trimestre del prossimo anno, l’apertura del canale diretto di interlocuzione con le aziende. Tramite il “portale delle agevolazioni” si potranno gestire in modo più semplice e immediato gli incentivi alle assunzioni”.

Avatar photo
Redazione - Articoli pubblicati: 639

Redazione del quotidiano di attualità economica "Il Mondo del Lavoro"

Twitter
Facebook
Linkedin