85 visualizzazioni 3 min. 0 Commenti

Come trovare lavoro? Un video di 20 secondi può più di un curriculum

L'idea di Bruno Sculli, Antonio Bali e Andrea La Gioia: mostrare cosa si sa fare è più efficace di mille parole. Per questo hanno dato vita all'app 20Seconds

Se è vero che bastano sette secondi per innamorarsi, ne sono sufficienti venti per conquistare un lavoro. Ci scommettono Bruno Sculli, Antonio Bali e Andrea La Gioia, tant’è che hanno dato vita all’app 20Seconds: con un video brevissimo anziché il classico curriculum, si può dare una svolta alla vita se si è in grado di dimostrare, proprio come in un talent show, che cosa si sa fare. L’importante, proprio come nel caso dei rapporti amorosi, è dare subito una buona impressione. Si deve far scoccare il colpo di fulmine, insomma.

Ma quando e come è nata quest’idea? “Circa un anno fa — spiega Sculli al Corriere del Mezzogiorno — da un’esigenza personale. Sono un imprenditore della ristorazione e cercavo personale qualificato. Nonostante impiegassi tempo e risorse per selezionarlo, non riuscivo a trovare quello che cercavo. Curricula poco precisi, gente che non si presentava agli appuntamenti, esperienze che non corrispondevano alla realtà. Insomma pensa e ripensa, si è accesa la lampadina. Perché non mettersi in connessione attraverso i social. Però, non con i soliti mezzi, ma attraverso un video dove fai vedere direttamente cosa sai fare? Poi da lì ci si mette in connessione. Ma devi mostrarti senza filtri. In venti secondi. Insomma devi mostrare ciò che sai fare. Non ciò che dici di saper fare”.

Dodici mesi dopo, 20Seconds è già operativo. Disponibile per tutti i dispositivi, l’app non solo aiuta a selezionare i collaboratori, ma pone anche i lavoratori in una competizione creativa per far emergere i migliori talenti e raggiungere i propri obiettivi. Saranno poi gli stessi utenti, aziende e lavoratori ad essere i giudici di questa sorta di talent dell’occupazione.

Come? Tramite like, commenti e condivisioni. Alla fine vince chi riesce a trovare il miglior talento per la propria azienda o chi trova il lavoro dei propri sogni nell’impresa che ha seguito attraverso i video di presentazione. Naturalmente.

Ma vediamo come funziona. Dopo aver registrato il proprio profilo e specificato l’ambito lavorativo, gli utenti possono pubblicare i loro video. La home page ne mostrerà i migliori, scelti dall’algoritmo proprietario — fra chi cerca e chi offre una posizione lavorativa — in base alle preferenze degli utenti, facilitando la connessione diretta tra talenti e aziende. Tutto questo è completamente gratuito, senza costi nascosti. I talent creator possono filtrare le posizioni aperte in base alle loro competenze, mentre lavoratori e aziende possono comunicare direttamente nell’app con un sistema di messaggistica integrato. Nell’app c’è anche una sezione Progetti, dove gli utenti possono pubblicare video premium di massimo 3 minuti con idee di progetto, team e piani di sviluppo a potenziali investitori.

Avatar photo
Redazione - Articoli pubblicati: 634

Redazione del quotidiano di attualità economica "Il Mondo del Lavoro"

Twitter
Facebook
Linkedin
Scrivi un commento all'articolo