254 visualizzazioni 3 min. 0 Commenti

La crisi del ceto medio: non crede più nel futuro

ceto medio fiducia futuro
Il rapporto del Censis ha sempre più paura di scivolare verso condizioni economiche peggiori. Tre italiani su quattro non hanno più fiducia nell'ascensore sociale

L’Italia non è più un Paese che crede nel proprio futuro. Anzi, il contrario: soprattutto il suo ceto medio ha paura di impoverirsi, di stare sempre peggio. Addirittura il 76,1% degli italiani pensa che le generazioni future staranno peggio di quelle attuali. Del resto, il nostro è il Paese dove gli anziani sono più ricchi dei giovani e le diseguaglianze non accennano a diminuire.

A scattare questa fotografia è il Censis: nel Rapporto commissionato dal Cida (confederazione sindacale che rappresenta dirigenti e quadri del settore pubblico e privato), l’istituto saluta definitivamente i tempi dell’ascensore sociale sottolineando che “prevalgono la percezione di un declassamento socio-economico reale o potenziale e la convinzione che nella scala sociale sia molto difficile salire e molto facile scivolare in basso”.

Ma quante persone si sentono ceto medio? Il 60,5% degli italiani. Mentre si dichiara parte del ceto popolare il 33,8%, e solo il 5,7% di quello benestante. Nello specifico, sente di appartenere al ceto medio l’11,3% delle persone con un reddito annuo al massimo di 15 mila euro, il 46,4% tra 15 e 34 mila euro, il 26,7% tra 35 e 50 mila euro e il 15,6% oltre 50 mila euro. Sono più alte le quote al Centro (66,3%) e, in misura minore, nel Nord-Ovest (62,3%), meno nel Sud-Isole (55,5%), che ha una maggiore polarizzazione tra ceti popolari e benestanti. Tra gli anziani è più alta la quota che si sente di ceto medio (65,4%) rispetto a giovani (57,7%) e adulti (58,9%). Ed è alta la quota di pensionati che si sente di appartenere al ceto medio: il 65,2%.

Sta di fatto che la sensazione di scivolare verso il basso fa da freno, tanto che, sempre secondo il Censis, rischiamo di perdere il pilastro della nostra società e il motore della nostra economia. Il presidente del Cida Stefano Cuzzilla la mette così: “Più di un italiano su due prova un senso di regressione sociale e il 75% ritiene che sia sempre più difficile salire nella scala sociale. A me preoccupa soprattutto questa assenza di speranza nel futuro: se le aspettative calano, se non si crede più di poter migliorare la propria condizione, se si ritiene che le generazioni future staranno peggio di quelle attuali, sarà il Paese intero a pagare un prezzo altissimo”.

Stando all’istituto, il ceto medio è entrato in crisi soprattutto tra il 2008 e il 2014, quanto il Pil è crollato di 7,6 punti percentuali, la spesa per i consumi delle famiglie del 6,2% e il potere d’acquisto ha subito un taglio dell’8,8%. Una depressione dalla quale ci siamo ripresi molto faticosamente: l’Istat certifica che solo quest’anno l’Italia è tornata ai livelli di prodotto del 2007.

Ma da noi le disuguaglianze pesano di più: il 10% delle famiglie più benestanti possiede quote del totale della ricchezza pari rispettivamente al 53,9% in Francia, al 58,5% in Italia, al 61,2% in Germania e, in media nei Paesi dell’area euro, al 56%. È anche per questo, probabilmente, che il 54,2% degli italiani ha la sensazione di andare indietro nella scala sociale, e il 59,7% che il proprio tenore di vita sta calando.

Avatar photo
Redazione - Articoli pubblicati: 634

Redazione del quotidiano di attualità economica "Il Mondo del Lavoro"

Twitter
Facebook
Linkedin
Scrivi un commento all'articolo