586 visualizzazioni 3 min. 0 Commenti

Le remunerazioni non adeguate alle specifiche professionalità nel rugby: un’analisi approfondita delle sfide di equità e sicurezza sociale

Rugby i diritti per chi lavora
Perché è essenziale agire per migliorare le condizioni di lavoro di tutti coloro che contribuiscono al successo di questo sport

Il mondo del rugby, sia professionistico che dilettantistico, si trova di fronte a sfide significative legate ai compensi dei lavoratori e alla sicurezza sul lavoro. Anche se il campionato è noto per i suoi, più o meno, alti livelli di investimenti e spettacolarità, molte persone coinvolte in questo sport continuano a lottare con condizioni contrattuali e rischi lavorativi non adeguatamente riconosciuti.

Compensi e rischi nel rugby professionistico

Secondo un articolo recente su Le Figaro, i giocatori di rugby professionistico in Italia guadagnano in media circa 19.287 euro lordi al mese nella stagione 2023-2024. Questa cifra, sebbene apparentemente adeguata, deve essere considerata alla luce dell’intensa natura fisica del rugby, del luogo dove si svolge e dei rischi connessi.

È importante sottolineare che la maggior parte dei lavoratori nel rugby, svolge anche un secondo lavoro o ha altri mezzi di sostentamento. I rischi di infortuni sul lavoro possono avere gravi ripercussioni non solo sulla loro carriera nel rugby, ma anche sulla loro capacità di svolgere altre attività lavorative.

Impatto sul rugby dilettantistico e sui giovani

Nonostante l’attenzione sia spesso concentrata sul rugby professionistico, le sfide economiche e di sicurezza non riguardano solo questa fascia, ma anche il rugby dilettantistico. In particolare, per coloro che lavorano con bambini e giovani giocatori, i rischi e le necessità di coperture assicurative e pensionistiche possono essere altrettanto rilevanti.

Necessità di regolamentazione e protezione

Per affrontare efficacemente queste sfide, è cruciale intensificare la regolamentazione e migliorare le protezioni sociali per tutti gli operatori del rugby, indipendentemente dal livello di coinvolgimento nel settore. Le azioni prioritarie includono:
Equità contrattuale: definire standard chiari per i contratti dei lavoratori nel rugby, garantendo retribuzioni adeguate e condizioni di lavoro sicure e trasparenti.

Coperture assicurative e pensionistiche: assicurare a tutti i lavoratori del rugby adeguati livelli di copertura per infortuni e malattie professionali, nonché piani pensionistici solidi per il loro futuro.

Sicurezza sul lavoro: implementare protocolli rigorosi per la sicurezza durante gli allenamenti e le competizioni, investendo nella prevenzione e nella gestione degli infortuni.

Diritti e condizioni di lavoro: promuovere un ambiente di lavoro rispettoso e inclusivo, che rispetti i diritti fondamentali dei lavoratori nel rugby.

Conclusioni

In conclusione, l’inadeguatezza dei compensi nel rugby rappresenta una questione che va oltre il solo aspetto economico. È essenziale agire per migliorare le condizioni di lavoro e la sicurezza sociale di tutti coloro che contribuiscono al successo di questo sport, sia a livello professionistico che dilettantistico. Investire nella regolamentazione e nelle protezioni adeguate non solo migliora la vita dei lavoratori, ma contribuisce anche alla sostenibilità e al futuro stesso del rugby come disciplina sportiva.

Avatar photo
Autore - Articoli pubblicati: 155

Presidente Nazionale Confederazione SELP

Facebook
Linkedin
Scrivi un commento all'articolo