253 visualizzazioni 2 min. 0 Commenti

Quando saranno pagate (e di quanto aumentano) le pensioni 2024

Le novità dell'Inps

L’Inps ha avviato i pagamenti delle pensioni di gennaio 2024, con il primo accredito programmato per il 3 gennaio. Tuttavia, a causa di una festività, l’accredito è stato posticipato di un giorno per coloro che ricevono l’assegno in contanti alle Poste, seguendo uno schema di pagamento scaglionato per cognome.

Le pensioni sono aumentate in conformità con l’inflazione e l’indice di perequazione del 5,4%. Gli aumenti variano in base al reddito pensionistico, con incrementi netti che vanno dal 100% per chi percepisce fino a quattro volte il trattamento minimo INPS, fino al 22% per coloro che superano dieci volte il minimo. L’aumento è applicato in modo progressivo, garantendo le rivalutazioni fino a quattro volte il minimo e arretrati fino a mille euro nel cedolino di gennaio 2024.

Le rivalutazioni per le pensioni variano a seconda dell’importo lordo, con incrementi che vanno dal 5,4% per le pensioni fino a 2.272 euro lordi al 1,2% per quelle oltre i 5.680 euro lordi. L’INPS applicherà questi aumenti in modo progressivo.

Inoltre, sono state apportate modifiche ai trattamenti minimi, all’assegno sociale e alle pensioni di invalidità in base al nuovo indice di rivalutazione. La riduzione delle trattenute IRPEF è prevista per il 2024, con l’aliquota del 23% applicata ai redditi pensionistici fino a 28.000 euro.

Il calendario dei pagamenti pensione per il 2024 prevede accredito il 3 gennaio, 1° febbraio, 1° marzo, 1° aprile, 2 maggio, 2 giugno (alle Poste) e 3 giugno (in banca), 1° luglio, 1° agosto, 2 settembre, 1° ottobre, 2 novembre (alle Poste) e 4 novembre (in banca), 2 dicembre.

Per ulteriori dettagli sul rinnovo delle pensioni nel 2024, l’Inps rimanda alla circolare attuativa pubblicata sul suo portale.

Avatar photo
Autore - Articoli pubblicati: 154

Presidente Nazionale Confederazione SELP

Facebook
Linkedin
Scrivi un commento all'articolo