152 visualizzazioni 3 min. 0 Commenti

A Pompei il terzo congresso di Conf Pmi Italia

Sostegno alle imprese e rivoluzioni tecnologiche al centro del dibattito

Conf PMI ITALIA ha celebrato a Pompei il suo terzo Congresso. Il sostegno alle imprese e le rivoluzioni tecnologiche sono stati al centro del dibattito. Presenti rappresentanti del governo e del mondo sindacale.

La Conf PMI ITALIA ha celebrato il suo terzo Congresso nazionale. L’appuntamento sabato 25 e domenica 26 maggio è stato a Pompei presso la struttura “Habita 79 Pompei MGallery”

L’evento è stato patrocinato dal Comune di Pompei e ha visto la partecipazione delle sedi provinciali e territoriali della Conf PMI ITALIA oltre che delle associazioni e confederazioni aderenti. Sono stati presenti inoltre numerosi rappresentanti istituzionali e dei sindacati dei lavoratori. Tra gli altri, sono stati presenti anche alcuni Ministri del Governo in carica, che hanno voluto portareil proprio saluto in una fase così delicata proprio per il mondo del lavoro.

Il “taglio del nastro” è stato effettuato dal sindaco di Pompei, Carmine Lo Sapio, dal sindaco di Nola, Carlo Buonauro, e dall’Arcivescovo di Pompei, S.E. Tommaso Caputo.

La Conf PMI ITALIA ha raccolto in maniera diretta e attraverso le adesioni di altre associazioni e confederazioni minori circa 300 mila iscritti. Al proprio attivo conta 76 Contratti Collettivi Nazionali – tra quelli firmati direttamente e altri per adesione. Circa 549 sono le sedi complessive su tutto il territorio nazionale, tra strutture regionali, provinciali, territoriali, e associazioni aderenti.

Una realtà sempre in costante crescita e ormai un punto di riferimento per le PMI e le istituzioni. Il Congresso ha rappresentato anche e soprattutto l’occasione per un confronto sulle nuove sfide all’orizzonte che necessitano sempre di più la capacità di sviluppare logiche di rete e di sistema.

“Abbiamo vissuto in un mondo in continuo divenire dove le trasformazioni sono così rapide da costringere tutti ad affrontare in spazi temporali relativamente brevi, rivoluzioni epocali. Da quella digitale, a quella verde ed ecostenibile, dal commercio elettronico, fino ad arrivare all’intelligenza artificiale”, ha dichiarato Tommaso Cerciello, Presidente Nazionale Confederale di Conf PMI ITALIA.

“Le PMI sono le realtà più esposte agli scompensi che questi processi portano con sé. Non lasciare nessuno indietro. Questo è stato il nostro principio fondativo. Stare insieme, condividere le criticità e le paure, lavorare con impegno alle soluzioni e costruire reali ponti di speranza per il futuro: è stato questo il senso profondo della Conf PMI ITALIA e la linea guida del nostro Congresso”.

Avatar photo
Autore - Articoli pubblicati: 154

Presidente Nazionale Confederazione SELP

Facebook
Linkedin
Scrivi un commento all'articolo